Viaggio tra i miti del “Club 27”

Domenica pomeriggio l’Auditorium Bocelli dall’Accademia della musica ha ospitato il secondo appuntamento organizzato dall’Istituto musicale “Nelio Biondi” con il patrocinio del Comune di Camerino, che ha visto protagonista Lucia Paccamiccio, straordinaria musicista recanatese.
“Club 27” il tema del viaggio tra gli astri del rock morti troppo giovani, con i loro miti, i complotti e tante verità irrisolte.
L’espressione “Club 27” iniziò ad essere usata nella stampa del settore musicale a partire dal 1994 quando, data la coincidenza dell’età, la morte di Kurt Cobain venne posta in relazione a quelle di Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison, morti tutti all’età di 27 anni nel breve periodo tra il 1969 e il 1971. In seguito è stata estesa ad altri esponenti del mondo musicale che sono scomparsi a 27 anni, come Amy Winehouse nel 2011, nonché ad alcuni coetanei morti in epoche precedenti, come Robert Johnson nel 1938.
E proprio partendo da questo artista la Paccamiccio, con l’ausilio di filmati dell’epoca, contributi giornalistici, foto e simpatiche escursioni dei Simpson, ha raccontato di questi talentuosi musicisti, belli e dannati, con la lettera J come iniziale del nome o del cognome.
Si è parlato di rock, sì, ma pure di eroina, fucilate, pusher, di gente affogata in piscina, morta per overdose o per colpa dell’antigelo messo nel whisky, ma soprattutto di miti che se ne sono andati nella più totale indifferenza di chi era loro vicini.
Un pomeriggio interessante che ha ripercorso 70 di storia di personaggi che hanno scritto pagine immortali della musica.
Il prossimo incontro è in programma il 2 e il 3 aprile con Marco Postacchini, presente all’appuntamento con la Paccamiccio insieme al protagonista del primo incontro, Maurizio Moscatelli.

Contenuto inserito il 14/03/2022

Informazioni

Nome della tabella
Autore Adesso Musica

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità