Prima giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid-19

È stata scelta questa data perché il 18 marzo dello scorso anno si registrò il numero più alto di decessi causati dalla pandemia: 2.978.

La vice sindaco Lucia Jajani ha osservato un minuto di silenzio al cospetto della bandiera italiana esposta a mezz’asta, per ricordare le tante persone che non ce l’hanno fatta e onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari.

Una celebrazione che ricorrerà anche negli anni a venire per creare una memoria collettiva in onore delle vittime dell’emergenza sanitaria.

Quest’anno come lo scorso un ringraziamento sincero a nome di tutta la comunità al personale sanitario impegnato in prima linea nell’emergenza.

Contenuto inserito il 18/03/2021
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità