Inaugurata la mostra dedicata alla Giornata della donna

Ritratti di Frida Kahlo, Alda Merini, Simone Weil, Hannah Arendt tra i “Volti di donna” in Mostra a Palazzo comunale
Affollata la cerimonia inaugurale di Domenica 6 marzo alla Sala del Consiglio

E’ stata inaugurata domenica 6 marzo la Mostra “Volti di donna” Disegni sui giornali di Marcello Gentili, (fino al 13 marzo) in un’ affollata Sala dei Priori di Palazzo comunale Bongiovanni.
Nel fare gli onori di casa il vicesindaco e assessore alla cultura e al turismo Gianluca Pasqui ha ringraziato: le curatrici della mostra Lucia Guerrini e Valeria CarIoni, l’artista arcello Gentili e i giovani artisti camerinesi che si sono esibiti durante la cerimonia inaugurale: il pianista Alberto Napolioni e l’attrice Maria Sole Cingolani che ha letto suggestivi brani di Alda Merini: Ingeborg Bachmann, Swislawa Szymborska. L’evento è promosso dal Comune di Camerino e dall’ associazione “24 marzo Onlus” (la cui attività si ispira alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ) rappresentata per l’occasione da Laura Pergolesi e Walter Calamita. ll sindaco Dario Conti ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa in occasione della Giornata della Donna: “I volti femminili in mostra – dice il sindaco Conti – ad opera dell’artista-avvocato Marcello Gentili, testimoniano, in modo coinvolgente, l’impegno della donna in ogni campo, nella famiglia, nella società, ritratti che ci “parlano” delle fondamentali, pacifiche, rivoluzioni messe in atto dalle donne in secoli di storia”. “In occasione della Giornata Internazionale della donna – dicono le curatrici Lucia Guerrini e Valeria Carloni – l’evento espositivo di Palazzo comunale raccoglie opere che presentano come tematica la figura femminile. Donne che hanno proposto, con la loro vita e la loro attività, un’immagine di se stesse appassionata e coraggiosa superando convenzioni e pregiudizi, sfidando ostilità e incomprensioni. Particolarmente originale la tecnica usata per le opere: il supporto materico del quotidiano crea un insieme d’ interessante impatto e, nello steso tempo, ha una fondamentale correlazione con le figure femminili disegnate (tecnica usata: cera e pastelli)”. I soggetti dell’artista Marcello Gentili, da Alda Merini a Simone Weil da Hannah Arendt a Frida Kahlo, sono suggestivamente “Affacciati alla pagina di un giornale – come fa notare la critica d’arte Marina Lazzari – varcano dunque la soglia della visibilità e diventano figure, progetti, in relazione con lo spazio della carta scritta e quindi del mondo. Crogiolo di riflessioni e suggestioni”.
Molte delle donne raffigurate “Hanno offerto – dice ancora Marina Lazzari – un modello di superamento di certe soglie: hanno scritto al di là della follia, agito nonostante le difficoltà contingenti, hanno mobilitato il corpo e il cuore per uscire allo scoperto, anche se questo fa diventare un bersaglio piu’ facile da colpire, che si tratti di figure femminili non sorprende: il venire alla luce passa, originariamente, attraverso l’essere donna”.

Contenuto inserito il 10/03/2011

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa - Michela Avi

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità