Confermati il Premio Internazionale Massimo Urbani e il Camerino Festival

Calendario culturale rivisto per l’emergenza Covid19. Si svolgeranno due dei principali eventi estivi. A breve la presentazione di un nuovo piano turistico
Sarà la musica il filo conduttore degli eventi camerti, dopo l’emergenza Covid19. Camerino non rinuncia alla cultura, ma si riorganizza, puntando proprio su due importanti manifestazioni e confermando Il premio internazionali Massimo Urbani e il Camerino Festival.
Le finali del prestigioso concorso internazionale per solisti che dal 1996 scopre i giovani talenti del jazz si svolgeranno il 27 e 28 giugno in quello che può considerarsi un suggestivo teatro all’aperto come la Rocca del Borgia. Tutto nel pieno rispetto delle normative imposte dall’emergenza Covid19, quindi con le sedute del pubblico distanziate di un metro e l’obbligo delle mascherine. Lo stesso varrà per il Camerino Festival, quest’anno in una veste completamente rinnovata, come spiega l’assessore alla cultura Giovanna Sartori: “Sarà un’edizione totalmente nuova, a cui non abbiamo voluto rinunciare. A partire dalla direzione artistica che sveleremo a breve. C’è stato un lavoro lungo un intero anno per dare nuovo slancio a questa manifestazione in cui crediamo fortemente, così come hanno dimostrato anche alcune realtà locali che hanno deciso di affiancarci nell’organizzazione. Chiaramente – spiega l’assessore Sartori – siamo costretti a proporre un’edizione ridotta e rivista nelle date, visto che si svolgerà a fine agosto”.
L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ha costretto a un ridimensionamento dell’offerta culturale pensata per quest’anno: “Dispiace perché c’era un calendario fittissimo. Oltre alla stagione teatrale da terminare, era in programma un’edizione di “Cortili in fiore” pensata con la volontà di riscoprire alcuni spazi della nostra città, la rievocazione della Corsa alla Spada e palio, il Ducato in un bicchiere, la magnalonga con un tour a piedi enogastronomico, il ritorno dell’orchestra Esyo del maestro Igor Coretti-Kuret, con cui lo scorso anno si è instaurata una bella collaborazione e tanto altro. Stavamo lavorando anche all’inaugurazione di una grande mostra, per il mese di giugno, per cui avremmo esposto un prestito da uno dei più importanti musei d’Italia. Tutto comunque è solo rimandato – precisa l’assessore Sartori – Sono ancora più convinta che proprio la cultura possa rappresentare una grande risorsa per questi territori che hanno tanto da offrire. Anzi, a tal proposito a brevissimo presenteremo la nostra offerta turistica estiva con tante sorprese”.
#passioneitalia
#mappadellabellezza #touringclubitaliano #bandierearancioni
#borghi

Contenuto inserito il 26/05/2020
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità