Camerino Festival, al via un lungo weekend di musica e spettacoli in quattro location diverse

Il Camerino Festival, prestigiosa rassegna di musica internazionale organizzata dalle associazioni Adesso Musica, Gioventù Musicale di Camerino e Musicamdo, con il contributo del Comune di Camerino, di UNICAM, del Ministero della Cultura e della Regione Marche e il sostegno di numerosi sponsor, si appresta a vivere un lungo ed intenso weekend di musica e spettacoli.
A partire da giovedì 4 agosto e sino a domenica 7, i riflettori della kermesse illumineranno 4 location d’autore, le vie del centro storico di Camerino, la Rocca d’Ajello, la Chiesa di San Giusto e la Basilica di San Venanzio, per altrettanti momenti di grande qualità artistica e culturale.
Si inizia giovedì 4 agosto con la performance di danza, musica e drammaturgia della compagnia milanese Sanpapié che proporrà, alle 17, alle 18.30 e alle 20, il proprio spettacolo “Amigdala”, diretto dalla coreografa e interprete Lara Guidetti. Una performance di teatro-danza che si sposa con la realtà cittadina, una “danza pubblica” intesa come esperienza partecipata di pubblico e performer in spazi urbani, con partenza da Piazza Santa Maria in Via. Musica, parole e suoni vengono restituiti mediante un sistema di cuffie silent-disco che permette la massima dinamicità̀ attraverso la scenografia urbana.
Venerdì 5 agosto alle 21.30, nella suggestiva cornice di Rocca d’Ajello, l’antica fortezza dei da Varano, è la volta del duo composto da Daniele Di Bonaventura al bandoneon e Arild Andersen al contrabbasso, insieme in un omaggio al percussionista camerte Paolo Vinaccia. Sonorità del nord Europa con rarefatte atmosfere dell’artico del contrabbassista pilastro della ECM si mescolano di Mediterraneo e si contaminano di sonorità italiche e balcaniche, grazie al bandoneista marchigiano.
Sabato 6 agosto sempre alle 21.30 nella Chiesa di San Giusto a Valfornace si esibirà il Clarinet Trio di Alessandro Carbonare. Primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Carbonare è uno dei più importanti solisti della scena musicale classica. Con il suo Trio composto da Giuseppe Muscogiuri al corno di bassetto e Luca Cipriano al clarinetto basso e corno di bassetto, ha esplorato un repertorio molto diversificato, dalla musica cameristica alle suggestioni della musica klezmer, fino al songbook americano. Per l’occasione il trio presenterà un viaggio musicale che tocca Mozart (Divertimento n.1 per tre corni di bassetto K439b), Stefania Tallini (C19), Chick Corea (Corea Jazz Suite sui temi di Armando’s Rhumba e Song for Sally e Spain nell’arrangiamento di Luca Cipriano), Vincendo De Filippo (Pizzica e Taslim) e autori vari che spingeranno il programma in territorio klezmer e atmosfere provenienti dalla musica tradizionale russa.
Domenica 7 agosto, l’intensa settimana del Camerino Festival si conclude alle 21.30 nella Basilica di San Venanzio dove gusteremo l’eleganza del repertorio barocco con la proposta filologica dell’ensemble “Opera Prima” e il soprano americano Amanda Forsythe particolarmente ammirato per le sue interpretazioni della musica barocca e le opere di Rossini. Un percorso vocale e strumentale attraverso un selezionato programma di Cantate, Oratori e Sonate di Georg Friedrich Händel, scelto tra i lavori nati dalla cruciale esperienza italiana del compositore sassone. Il concerto è ad ingresso libero con prenotazione al 3312233904.
La biglietteria del Camerino Festival è aperta presso il Sottocorte Village dal martedì al venerdì (11,00-13,00 / 17,00-19,00). I biglietti si potranno acquistare anche sul luogo di spettacolo (1 ora prima dell’inizio), oppure online su CiaoTickets www.ciaotickets.com
Per informazioni è possibile chiamare il numero 331.2233904, scrivere una mail all’indirizzo info@camerinofestival.com o andare sul sito www.camerinofestival.com

Contenuto inserito il 02/08/2022

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio stampa Camerino Festival

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità