PIL “Laghi e dintorni dell’appennino maceratese”

CHE COSA È IL PIL:
Il PIL “Laghi e dintorni nell’Appennino Maceratese” è un Progetto Integrato Locale promosso da nove Comuni appartenenti al GAL SIBILLA: Belforte del Chienti, Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Fiastra, Serrapetrona e Valfornace. Serrapetrona è il Comune capofila.
Il PIL è una forma innovativa di approccio allo sviluppo territoriale basata sulla partecipazione e la condivisione delle scelte da parte sia di soggetti pubblici che privati dell’area coinvolta, scelta dalla Regione Marche per ottimizzare l’utilizzo dei fondi europei erogati dai GAL.
Il PIL nasce come libera aggregazioni di un numero di Comuni che condividono una strategia locale integrata, nell’ambito delle strategie territoriali LEADER/PSL GAL SIBILLA. Il PIL mira a focalizzare gli interventi attorno ad una idea precisa di sviluppo del territorio (e/o di servizi comuni alla popolazione), definisce un progetto sintetico, ma costruito secondo una logica solida di programmazione attraverso l’individuazione di fabbisogni, la scelta di obiettivi concreti e quantificati e l’attuazione di azioni conseguenti agli obiettivi con risorse specifiche.
FINALITÀ DEL PIL:
Il PIL “Laghi e dintorni nell’Appennino Maceratese” si pone la finalità di rilanciare l’economia locale dopo gli eventi sismici, rafforzando l’attrattività e la competitività turistica dei territori che gravitano intorno ai tre Laghi di Caccamo (Borgiano), Fiastra e Polverina. Il Progetto, partendo dal riconoscimento di queste tre rilevanti risorse ambientali e paesaggistiche, mira a sfruttarne a pieno le potenzialità e le opportunità, all’interno di un territorio ricco di un notevole patrimonio culturale, paesaggistico ed ambientale, ove l’immagine turistica dei Laghi viene colta anche per proiettare il territorio nel suo complesso verso una promozione turistica unitaria e più qualificante. In un’ottica di partenariato pubblico-privato il PIL mira a sostenere le imprese nei settori dell’accoglienza e del turismo a ritornare, dopo il sisma, a rispondere ad una rinnovata domanda di ricettività sul territorio offrendo all’ospite/turista delle nuove esperienze di conoscenza ed intrattenimento.
Il PIL intende soddisfare i seguenti Fabbisogni generali, tutti di natura economica:
1) La valorizzazione integrata (turistico/ambientale) dei territori intorno ai Laghi di Caccamo, Fiastra e Polverina, di notevole e particolare attrazione (LAGHI IN RETE);
2) Aumentare le opportunità di lavoro sostenendo le imprese locali nei settori dell’accoglienza e del turismo, favorendo la nascita di nuove che rispondano ad una richiesta di maggiore qualificazione e diversificazione dell’offerta (MICRO ECONOMIE TURISTICO LOCALI);
3) Promuovere turisticamente il territorio dei Laghi con comunicazione efficace e coordinata (DESTINAZIONE LAGHI).
OBIETTIVI:
Il PIL ha scelto l’Obiettivo Economico e conseguentemente dovrà dimostrare l’aumento dell’occupazione.
Nel dettaglio si evidenziano gli obiettivi specifici del PIL:
– Qualificare le infrastrutture turistiche delle aree lacustri valorizzandone le sponde per rendere il soggiorno dei turisti (e la sosta ricreativa dei residenti) più appetibile;
– Potenziare le connessioni escursionistiche e gli itinerari tematici tra i Laghi e le attrazioni (risorse) storico, culturali e paesaggistiche limitrofe;
– Rafforzare il tessuto imprenditoriale nei settori dell’accoglienza turistica, con la qualificazione delle attività esistenti e l’aumento della dotazione dei posti letto;
– Avviare nuove forme di ospitalità sul territorio, nuovi servizi per il turismo esperenziale, anche in riferimento al Turismo Bike;
– Avviare nuove attività per servizi turistici specializzati ed innovativi con particolare riferimento all’utilizzo delle tecnologie digitali a supporto della fruizione e promozione del territorio;
– Creare reti di imprese per lo sviluppo e la commercializzazione del turismo.
CHE COSA FINANZIA IL PIL:
Il PIL finanzia sia progetti promossi da soggetti pubblici che interventi promossi dai soggetti privati che prevedano una tipologia di intervento rispondente ad uno specifico fabbisogno rilevato in PIL.
I soggetti pubblici sono (da declinare in relazione alla specifica Misura di finanziamento) gli Enti locali, soggetti di diritto pubblico, Unioni Montane, Enti Parco e gestori di Riserve Naturali, fondazioni ed associazioni senza scopo di lucro e soggetti di diritto privato impegnati nel settore della cultura e delle tradizioni, ricadenti nel territorio di operatività del PIL.
Per la tipologia dei soggetti privati, si consultino nel dettaglio i Bandi di riferimento sotto specificati.
In particolare le tipologie di intervento di interesse dei soggetti privati e coerenti con i Fabbisogni del PIL “Laghi e dintorni nell’Appennino Maceratese”, sono le seguenti:
a) Servizi nel settore dell’accoglienza e del turismo finalizzati a migliorare la qualità delle strutture turistiche delle aree rurali, ad aumentarne le tipologie di offerta e a diversificare le forme di ospitalità sul territorio (strutture ricettive esistenti o di nuova realizzazione);
b) Imprese creative, imprese culturali, performing arts;
c) Attività di valorizzazione e promozione turistica che utilizzano le tecnologie digitali per la realizzazione dei prodotti e o servizi/Attività di digitalizzazione e informatizzazione di beni culturali e paesaggistici per una migliore fruizione e valorizzazione;
d) Attività di servizi per il turismo quali noleggio di piccole imbarcazioni, noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative;
e) Servizi di guida ed accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve, parchi ed altri elementi naturali rilevati a livello nazionale o locale, compresa la possibilità di elaborare attività didattiche ed educative per adulti e bambini;
f) Servizi/Strutture dedicate al bike/cicloturismo, come definiti dalla DGR Marche n.1287 del 1 ottobre 2018 “DGR Marche n. 994/2014 – Prodotti turistici della Regione Marche – Sostituzione e modifica integrale del Cluster “Bike” – Linee guida e disciplinare”.
DOTAZIONE FINANZIARIA DEL PIL PER BENEFICIARI PUBBLICI E PRIVATI:
La dotazione massima finanziaria prevista dal GAL SIBILLA per il PIL ammonta a 1.561.136,39 euro.
Il contributo pubblico complessivo previsto per attuare le progettualità e realizzare gli interventi (pubblici e privati) del PIL corrisponde a 1.501.136,39 Euro.
Il contributo pubblico complessivo che il PIL prevede per i soli soggetti privati, corrisponde a circa 550.000,00 euro.
QUALI SONO I BANDI DI RIFERIMENTO DEL PIL PER I PRIVATI:
1) Bando Misura 19.2.6.2 Operazione A) FA6A – Aiuti all’investimento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali.
BENEFICIARI: Persone fisiche (singole o associate) che si impegnano ad esercitare l’attività di impresa indicata nel piano aziendale per almeno cinque anni dalla data di avvio dell’impresa.
TIPO DI INTERVENTO: Avviamento di nuove imprese di tipo extra-agricolo nel territorio del PIL. Le tipologie di intervento sono quelle riportate al punto sopra “Che cosa finanzia il PIL”, tranne quella al punto a).
INTENSITÀ DI AIUTO: contributo in conto capitale di tipo forfettario pari a:
– 40.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate in aree D e C3 (in tutti i Comuni del PIL tranne quello di Belforte del Chienti);
– 35.000,00 euro per le imprese di nuova costituzione ubicate nelle altre zone (nel solo Comune di Belforte del Chienti).
2) Bando Misura 19.2.6.4 – Operazione B) FA 6A Investimenti strutturali nelle PMI per lo sviluppo di attività non agricole.
BENEFICIARI: Microimprese extra agricole, da costituire o già esistenti nei settori di cui alla descrizione delle tipologie degli interventi riportata al paragrafo 5.2.1 del bando.
Sono escluse le aziende agricole e le aziende agrituristiche.
TIPO DI INTERVENTO: tra le tipologie di intervento si prevedono quelle selezionate dal PIL come riportate al punto sopra “Che cosa finanzia il PIL”.
INTENSITÀ DI AIUTO:
Per gli interventi ricadenti nelle aree del PIL, essendo “cratere sismico”, il tasso d’aiuto previsto è pari:
• al 60% sul costo ammissibile delle opere edili, compresi gli impianti e le spese generali;
• al 50% del costo delle dotazioni (arredi, attrezzature, strumenti, biciclette tradizionali e/o pedalata assistita ecc.) necessarie.
3) Bando Misura 19.2.16.3 Operazione B) FA 6A – Cooperazione tra piccoli operatori per diverse finalità nelle aree LEADER
BENEFICIARI: La domanda di sostegno deve essere presentata esclusivamente da raggruppamenti/aggregazioni/associazioni di nuova costituzione o già costituite che intraprendono nuove attività, costituiti da non meno di 3 “piccoli operatori” nei settori del turismo, dell’agriturismo e delle fattorie didattiche.
TIPO DI INTERVENTO: Il progetto di cooperazione presentato deve promuovere turisticamente il “territorio dei Laghi” con comunicazione efficace e coordinata e rafforzare la competitività del territorio come destinazione turistica strutturando un sistema organico di promozione e comunicazione.
INTENSITÀ DI AIUTO: Per gli interventi si prevede un’aliquota di sostegno pari al 90% della spesa ammissibile. Il limite massimo di contributo pubblico che è possibile riconoscere ad ogni progetto approvato è pari a 15.000,00 euro.
Nella consultazione dei Bandi (scaricabili dal sito www.galsibilla.it), si consiglia di fare particolare attenzione alle parti:
– “Requisiti soggetto richiedente”;
– “Requisiti del progetto”;
– “Selezione delle domande di sostegno – Criteri di priorità per la selezione dei progetti”.

Si precisa infine che per tutti e tre i Bandi di riferimento sopra evidenziati, le sedi operative delle attività (nuove o esistenti) dovranno avere sede operativa nel territorio del PIL.

SCADENZA DEI BANDI: 30 Settembre 2019, ore 13:00.

PER AVERE INFORMAZIONI PIU’ DETTAGLIATE SUI BANDI:
Per vedere e scaricare i bandi di finanziamento relativi al PIL, consultare il sito: www.galsibilla.it
Per informazioni relative al PIL n.2 “Laghi e dintorni nell’Appennino Maceratese” con capofila il Comune di Serrapetrona e conoscere le modalità di partecipazione ai Bandi di interesse dei soggetti privati e correlati al PIL, contattare il Facilitatore dello Sviluppo Locale, Architetto Sabina Minnetti all’indirizzo pil.laghi2018@gmail.com

Allegati

PIL Laghi e dintorni nell'Appennino Maceratese [PDF - 368 KB - Ultima modifica: 30/08/2019]

Scheda informativa PIL [PDF - 1314 KB - Ultima modifica: 30/08/2019]

Contenuto inserito il 30/08/2019

Informazioni

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità