Avviso pubblico – Ordinanza del Commissario Straordinario n. 111 del 23 dicembre 2020 – Art. 7: (Interventi urgenti di demolizione o di messa in sicurezza degli edifici)

Si rende noto che, anche su sollecitazione del Comune di Camerino che aveva sollevato il problema, nell’Ordinanza del Commissario Straordinario n. 111 del 23 dicembre 2020, all’art.7, è stata inserita una norma che consente di risolvere quelle situazioni nelle quali la presenza di ruderi o di edifici collabenti siano causa di rischio per la pubblica incolumità o impediscano o ostacolino i lavori di ricostruzione di edifici adiacenti o limitrofi, oppure ne impediscano il rilascio dell’agibilità.
In tutti questi casi viene riconosciuto ai proprietari degli immobili pericolanti un contributo massimo di 80 euro al metro quadro per la messa in sicurezza o la demolizione dell’edificio.
Si invitano pertanto i proprietari che possiedono edifici che si trovano nelle condizioni sopra previste di attivarsi affidando l’incarico ad un tecnico abilitato che provvederà alla progettazione ed alla direzione dei lavori oppure, nel caso di edifici che subiscono tali situazioni, di comunicarlo al Comune per i provvedimenti di competenza.
Qualora i proprietari non provvedano autonomamente, il Comune, previa intimazione ad adempiere, si sostituirà ad essi nell’esecuzione dei lavori che però, in tal caso, saranno a carico dei proprietari inadempienti, nei cui confronti il Commissario Straordinario provvederà al recupero delle somme spese, anche con esecuzione forzata.
Per ogni ulteriore informazione contattare l’Ufficio Ricostruzione privata del Comune di Camerino al n. 0737 637557.

Comune di Camerino
SETTORE 6° -SISMA RICOSTRUZIONE PRIVATA
RESPONSABILE
Arch. Maurizio Forconi
Via Le Mosse, 10 – 62032 Camerino (MC)
Tel. 3204316923
e-mail: maurizio.forconi@comune.camerino.mc.it

Contenuto inserito il 02/02/2021

Informazioni

Nome della tabella
Ufficio Ricostruzione privata

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità