Stagione di sport tradizionali a Camerino

Gli sport tradizionali per valorizzare il territorio, tutto, e riscoprire le radici attraverso giornate nella natura e nella bellezza di luoghi che il terremoto ha ferito profondamente, senza intaccare tuttavia vivacità e voglia di futuro. E’ questo lo spirito con cui Camerino si prepara ad una stagione che, tra le altre iniziative in programma, la renderà capitale italiana della ruzzola e del rulletto.
Ospiteremo, infatti, a partire dall’11 maggio i campionati italiani di questi sport tradizionali che porteranno a Camerino centinaia di partecipanti con le rispettive famiglie. Sarà occasione per promuoversi e, in qualche modo, anche per far parlare di noi e di come la comunità sta reagendo al sisma, in attesa che la ricostruzione diventi una reale volontà del Governo prima ancora che una vuota promessa. L’11 e 12 maggio ospiteremo il Campionato Italiano di Ruzzola a coppie, con la presenza di circa 300 atleti provenienti da tutte le regioni del Paese. La settimana successiva, il 19 maggio, sarà invece la volta della Coppa Italia di Ruzzola a Squadre, che prevede la partecipazione di oltre 600 atleti. A luglio, infine, sarà protagonista il rulletto, precisamente il 27 e 28, con il Campionato Italiano a Squadre Rulletto a cui prenderanno parte circa 300 specialisti di questa disciplina. La nostra Amministrazione Comunale, dopo aver interessato il presidente nazionale della Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali, ha tentato di portare a Camerino anche il Campionato Italiano di Freccette, ma l’impossibilità del territorio a garantire i circa 1000 posti letto necessari non ci ha permesso di proseguire su questa strada, se non come impegno futuro.
Iniziative, dunque, che coniugano lo sport e la tradizione, il territorio inteso nella sua interezza di una città che ha scelto di non lasciare indietro niente e nessuno. Dispiace, in questa ottica, leggere quindi la gratuita ironia di quanti, molto pochi per la verità, hanno fatto sarcasmo sul contributo concesso dall’amministrazione comunale alla FIGeST. A tal proposito voglio ricordare che, in base agli accordi con l’organismo sportivo, la Federazione si è impegnata a redigere una rendicontazione pubblica delle spese sostenuto e, in caso di un eventuale avanzo di gestione, a corrisponderlo nuovamente al Comune di Camerino.
Il sindaco di Camerino
Gianluca Pasqui

Contenuto inserito il 11/03/2019
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità